7472254486_4b048f6016_b

Oggetto di vera e propria “devozione”, la panella, diffusa soprattutto a Palermo e dintorni, è un cibo tipico da strada le cui origini affondando in un tempo lontano. Furono gli arabi, tra il IX e l’XI secolo, a sperimentare questa ricetta mescolando la farina di ceci con acqua, dando vita così ad un nuovo impasto da cuocere. Una ricetta giunta fino a noi.

Le panelle, seppur nate come un cibo povero, oggi uniscono operai ed impiegati, ragazzi ed anziani senza distinzioni sociali. Vengono associate alla classica “mafalda” o “moffoletta con il cimino”, e rappresentano un tipico spuntino consumato soprattutto nelle “friggitorie” o acquistato nelle “friggitorie ambulanti” delle motoape che girano per le vie di Palermo. Ed insieme alle panelle non possono mancare i “cazzilli”, noti anche come crocchè. Ecco la ricetta per preparare le panelle.

INGREDIENTI

500 gr di farina di ceci

1,5 lt di acqua

sale q.b

pepe q.b.

prezzemolo

1 lt di olio per friggere

PREPARAZIONE


Versare l’acqua in una pentola. Aggiungere la farina di ceci ed il sale. Mescolare con una frusta evitando di far formare dei grumi. Cucinare a fiamma media mescolando continuamente.
Continuare a mescolare per circa una decina di minuti dopo che il composto avrà inziato a bollire.
Aggiungere il prezzemolo tritato ed il pepe. Stendere l’impasto su una superficie di marmo o su uno stampo unto (come quello da plumcake). Ricoprire con la pellicola ed aspettare che l’impasto si solidifichi. A questo punto, si può tagliare il composto a fettine sottile. Friggere le panelle in olio ben caldo fino a quando non saranno dorate e croccanti.