Il Carnevale di Sciacca, uno dei più antichi in Sicilia

Fonte: carnevaleinsicilia.wordpress.com
Fonte: carnevaleinsicilia.wordpress.com

Il Carnevale di Sciacca, cittadina in provincia di Agrigento e vicina alla Valle dei Templi, è uno dei più antichi della Sicilia. C’è chi ne fa risalire le origini persino all’epoca romana, anche se è più probabile che i primi festeggiamenti in maschera siano dovuti alla decisione del Viceré Ossuna nel 1616 di concludere in maschera una festa non meglio identificata, forse i saturnali.

Continue reading

Bioeconomy, il ritorno all’agricoltura per rilanciare l’economia

uva-agric

Dopo la corsa all’urbanizzazione nel secondo dopoguerra che ha fornito tanta manodopera alle fabbriche e che ha stimolato lo sviluppo tecnologico tra gli anni cinquanta e settanta, generando il cosiddetto miracolo economico italiano, adesso, dopo la saturazione del mercato del lavoro e la crescente sensibilizzazione rispetto alle tematiche ambientali, la tendenza si è invertita.

Continue reading

Invia la tua ricetta “rivisitata” della cucina siciliana

pasta-con-le-cozze

 

La cucina siciliana, rinomata in tutto il mondo, offre una incredibile varietà di ogni piatto dovuta alle differenze territoriali e all’estro del cuoco. Il processo di rivisitazione delle ricette tradizionali è una prassi normale nella cucina siciliana e italiana. Ognuno porta le proprie “correzioni” ai piatti tradizionali arricchendo la nostra cucina locale.

Sicilian Factory vuole valorizzare la varietà della nostra cultura culinaria pubblicando nel nostro magazine le ricette che voi vorrete mandare. Un punto di incontro virtuale per conoscere le tante varianti dei piatti tipici siciliani.

Che aspetti? Invia la tua ricetta!

Sant’Agata, tra culto e gastronomia

Vara_di_sant'Agata

Sant’Agata è uno dei simboli principali di Catania. La sua storia è intrecciata indissolubilmente con le tradizioni di questa città.

Agata apparteneva ad una famiglia nobile. Fin da ragazza consacrò la sua verginità a Cristo. Di lei si innamorò il console Quinziano, che la chiese in sposa, ordinandole di rinnegare la sua fede. Rifiutato, il console trasformò il suo amore in odio verso la fanciulla, infliggendole terribili crudeltà e tormenti. Dovette subire persino il taglio delle mammelle.

Continue reading